16 — 09

CRLN

Precipitazioni Tour

CRLN
CRLN

Lineup

CRLN (Live)
Pre/After show: DèRiva

Ticket

5€

Orario

21:30

Partecipa

CRLN

CRLN, si legge Caroline, è una giovane cantautrice originaria di San Benedetto del Tronto, artista dal sound internazionale in bilico tra indie pop, soul ed elettronica. 'Precipitazioni' è il suo album di debutto, uscito su Macro Beats, nota label underground che negli anni ha prodotto Mecna, Ghemon, Kiave, BoomDaBash e molti altri artisti di spicco della scena rap/trap italiana. In arrivo sul palco del Cinema Lumiere questa domenica 16 settembre.

Uscito lo scorso 26 marzo, la release si è fatta subito notare per l'interessante miscela di suoni e testi che rende difficile l'attribuzione di un'etichetta musicale ben precisa. E questo è uno dei suoi punti di forza, oltre che una riuscita scommessa della casa discografica.

Caroline, classe '93, unica voce femminile nella scuderia Macro Beats, mette ordine ai pensieri e supera i momenti di difficoltà grazie alla scrittura: tra le macerie causate dai terremoti che negli ultimi anni hanno colpito le sue Marche e le ferite profonde sedimentate nella forma di ricordi legati a una vecchia vita cancellata dal sisma, CRLN si rialza e combatte.

Lotta contro la tentazione di scollarsi dalla realtà, confusionaria e instabile, e riafferma se stessa attraverso un disco che non lascia indifferenti. C'è molta malinconia, ma c'è anche molta poesia. Non è un album triste, è piuttosto un flusso di coscienza simile allo scroscio di un temporale estivo che purifica e riappacifica. Se affinate il fiuto, sentirete il profumo di quelle Precipitazioni.

"Non siamo nel Medioevo" - Rolling Stone Italia, agosto 2018.

Nei primi giorni di Agosto, durante la sua esibizione sul palco di un noto festival musicale, e non per la prima volta, ha ricevuto un trattamento violento da parte dell'audience, in gran maggioranza composto da giovani uomini, che incessantemente le hanno rivolto pesanti insulti sessisti. Reazione a caldo dell'artista è stata quella di lasciare il palco in anticipo. Ne segue una discussione mediatica fuori tempo massimo ma necessaria ed estremamente urgente relativa ai problemi di sessismo e omofobia presenti ancora oggi nella musica pop, quella che ascoltano tutti in maniera più o meno trasversale.

Il resoconto di quell'esperienza è stato narrato dall'articolo che vi abbiamo inserito tramite link sopra. Qua sotto invece, un estratto.

"L'ordine di lasciare il backstage appena scesa dal palco, l'attesa paragonabile a quella di un agnellino che sta andando al macello, il confronto con un pubblico stanco e impaziente che attende di vedere il proprio idolo, i cori sessisti, gli "ollellè ollallà, faccela vedè, faccela toccà", gli "apprezzamenti" di gruppo, il taglio di 4 pezzi del repertorio, la voglia di scappare da lì sopra il prima possibile, la sensazione che ti stanno in qualche modo violentando".

L'aspettiamo al Lumiere con affetto, carica e gioia!